vai al contenuto della pagina vai al menu di navigazione
 

Chimica Computazionale

Gruppi di ricerca attivi nel campo della chimica teorica e computazionale

Modellistica di Materiali Molecolari Funzionali

Fabrizia Negri

L’attività di ricerca è basata sull’utilizzo e sviluppo di strumenti della modellistica computazionale con l’obiettivo di studiare proprietà elettroniche e fenomeni di trasferimento e trasporto di carica ed energia in materiali molecolari organici coniugati allo scopo di ottenere relazioni fra struttura (intra ed inter-molecolare) e proprietà. Particolare attenzione è volta alla caratterizzazione delle proprietà strutturali e spettroscopiche di cromofori organici per applicazioni in elettronica e optoelettronica. Fra i sistemi studiati vi sono nastri grafenici nanometrici, semiconduttori organici e altri sistemi molecolari che presentano esteso core coniugato.

Sito web: https://site.unibo.it/modeling-functional-molecular-materials

 

Multi-scale modeling di Materiali Multifunzionali

Francesco Zerbetto

Lo scopo principale dell'attività del gruppo è quello di capire come le molecole funzionano da sole, assieme, o quando interagiscono con uno stimolo esterno di varia natura. Lo scopo non è la semplice riproduzione dei dati sperimentali mediante simulazione, ma quello di portare l'uso della chimica computazinale allo stesso livello di una qualsiasi tecnica sperimentali utilizzata per studiare fenomeni complessi. In tempi recenti l'interesse del gruppo si è rivolto all'elaborazione di sturmenti per studiare i limite sottile fra il comportamento molecolare o supra-molecolare e le leggi macroscopiche: lo sforzo è rivolto a trovare il limite in cui un sistema cessa di comportarsi classicamente per essere invece regolato dal moto Browniano e dalle leggi quantomeccaniche.

Sito web:

 

Spettroscopia computazionale

Cristina Puzzarini

I calcoli quanto-meccanici rivestono un ruolo sempre piu' importante nel campo dell'indagine spettroscopica. E' sempre piu' frequente che studi sperimentali vengano supportati da calcoli teorici al fine di verificare i dati sperimentali stessi, permettere la loro interpretazione, fornire ulteriori informazioni e/o previsioni. I campi di applicazioni sono: (i) le spettroscopie rotazionale (in collaborazione con Prof. J. Gauss - Mainz; prevede: sviluppo metodologico in CFOUR - www.cfour.de; controparte sperimentale: gruppo stesso - si veda alla voce "Spettroscopia Rotazionale"), (ii) vibro-rotazionale e vibrazionale (in collaborazione con Prof. V. Barone - Scuola Normale Superiore di Pisa). Il tipo di spettroscopie considerate richiede elevata accuratezza di calcolo. Le applicazioni vanno dalle molecole di interesse atmosferico e/o astrochimico a quelle di interesse biologico, ai complessi molecolari. Recentemente le metodologie allo stato dell'arte  impiegate nel campo della spettroscopia vengono utilizzate per lo studio dei meccanismi di formazione di molecole prebiotiche nello spazio.

Sito web: https://site.unibo.it/rotational-computational-spectroscopy