vai al contenuto della pagina vai al menu di navigazione
 

Sbocchi occupazionali e professionali

Lo sbocco professionale più importante di un Dottore di Ricerca in Chimica è l’inserimento in laboratori di ricerca pubblici (Università, enti di ricerca) o privati (industrie, spin-off, ecc.). Si ritiene che l’esperienza in un contesto di attività lavorativa sia pienamente garantita dalla quotidiana attività di ricerca svolta dal dottorando durante la sua formazione: tale attività si svolge a contatto con colleghi di diversa esperienza in un contesto analogo a quello professionale. Inoltre, i dottorandi possono svolgere parte della loro attività di ricerca in un contesto di attività lavorativa presso enti pubblici e privati nonché in spin-off accademici con cui sono in atto collaborazioni con i Dipartimenti proponenti. I dottorandi partecipano anche a importanti forme di collaborazione con altre strutture di ricerca italiane e straniere realizzate e formalizzate nel contesto di progetti finanziati a livello nazionale ed europeo portati avanti dai diversi docenti del Collegio. Il percorso di inserimento nel mondo del lavoro può iniziare con un periodo di training post-dottorale e sfociare in posizione di responsabilità di elaborazione e conduzione di progetti o di gestione di gruppi o sezioni. Il buon accoglimento dei Dottori di Ricerca in Chimica in enti di ricerca è testimoniato anche dal costante flusso di finanziamento di borse di studio da parte di questi enti che si è verificato nei cicli fino ad ora attivati.